Il Giuslavorista – La retribuzione del periodo di guardia notturna in regime di reperibilità

Il Giuslavorista – La retribuzione del periodo di guardia notturna in regime di reperibilità

0 Commenti

Pubblicato un nuovo articolo redatto dagli avvocati dello Studio Legale Lavizzari sul portale il Giuslavorista 

 

La retribuzione del periodo di guardia notturna in regime di reperibilità

Poiché il tempo del lavoratore o è di lavoro o è di riposo, il periodo di guardia notturna durante il quale il lavoratore deve assicurare la propria reperibilità al datore di lavoro, costretto fisicamente presso la sede lavorativa, senza poter gestire liberamente le proprie esigenze personali, familiari e sociali, è di lavoro. Le modalità di remunerazione di tale orario di lavoro sono demandate alla normativa nazionale: il pagamento di specifica indennità di pernottamento in luogo di maggiorazione a titolo di lavoro straordinario è del tutto conforme alla disciplina comunitaria e nazionale.

di Gianluca Lavizzari, Valentina Maria Manzotti

 

Per leggere gli approfondimenti è necessario effettuare l’accesso al sito.

Il contenuto integrale è riservato solo agli utenti abbonati.

Potrebbe interessarti anche

Inserisci un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Accetto la Privacy Policy